Museo Zannato - Incontri tra natura e storia 2022

Pubblicato il 23 settembre 2022 • Cultura

Un' anteprima della nuova rete sentieristica dell'Ovest Vicentino sulle grandi scoperte scientifiche del territorio.

Tornano gli Incontri tra Natura e Storia del Sistema Museale Agno Chiampo, quest’anno in forma di escursioni e passeggiate alla scoperta del territorio, prendendo spunto da reperti archeologici, paleontologici e naturalistici provenienti dai dieci Comuni del Sistema Museale e conservati al Museo Zannato. Un primo assaggio di “Itinerari di Scoperta” quella che si svilupperà nei prossimi mesi come una grande, nuova rete sentieristica interattiva, per ripercorrere e riscoprire i luoghi delle grandi scoperte della storia e della scienza, spesso fatte nei posti più impensabili e talvolta proprio dietro casa e conservate oggi nei musei.

Gli incontri sono organizzati tra settembre e ottobre 2022 dal Museo di Archeologia e Scienze Naturali G. Zannato con la collaborazione delle guide esperte di Biosphaera.  I posti sono limitati e per partecipare è obbligatoria la prenotazione, da effettuarsi sul sito www.biosphaera.it a partire da lunedì 12 settembre.

PROGRAMMA

  •  Montebello Vicentino

Domenica 18 settembre, ore 9.30

ARDUINO E LA GEOLOGIA

Sulle orme del grande naturalista del '700 Giovanni Arduino per ammirare i profili del tempo nel paesaggio naturale, sui cui definì i principi della stratigrafia che hanno cambiato per sempre la storia della geologia.

  • Sarego

Sabato 24 Settembre, ore 15.30

I LONGOBARDI

Seguendo le tracce del cavaliere longobardo di Monticello di Fara, rinvenuto con il suo straordinario corredo nel 2020, esploriamo il territorio per ricostruire la storia e leggere in filigrana gli antichi paesaggi.

  • Brendola

Sabato 1 Ottobre, ore 15.00

IL DIVINO E LE DIVINITÀ

Una lamina votiva con occhi del II-I secolo a.C., di una tipologia al momento priva di confronti, è lo spunto per esplorare il territorio tra pianura e collina e rievocarne la storia millenaria.

  • Castelgomberto

Domenica 2 Ottobre, ore 9.30

GRANCHI E CALCARI

Un incredibile ritrovamento fossile, un piccolo granchio dal nome evocativo di Dynomene lessinea, racconta un paesaggio preistorico estinto. Una passeggiata immaginaria nell'antico mare tropicale dei monti Lessini, quando i monti Lessini ancora non esistevano.

Ritrovo: Piazza Salvo D’Acquisto, Castelgomberto

  • Montecchio Maggiore

      Domenica 9 Ottobre, ore 9.30

PRIMA DEI CASTELLI 

Due misteriose fosse votive, insieme a un luogo di culto e a testimonianze di abitati dell’età del Bronzo e del Ferro, ci raccontano la storia del colle di Montecchio molto prima della costruzione dei castelli medievali.

  • Trissino

Sabato 15 Ottobre, ore 15.00

PICCOLE ORCHIDEE

Minuscoli tesori della scienza dietro casa: l'Epipactis autumnalis, una nuova specie di orchidea da poco scoperta, da ammirare dal vivo nei luoghi dove è stata descritta per la prima volta.

  • Montorso e Zermeghedo

Domenica 16 Ottobre, ore 9.30

I LICHENI E L'AMBIENTE

Due piccoli licheni, nuovi per la scienza, scoperti dal grande botanico Abramo Massalongo a metà dell'800 sui Lessini vicentini. Due organismi che raccontano la storia naturale del territorio e lo stato di salute dell'ambiente, da riscoprire nei boschi di Massalongo.

  • Sovizzo

Sabato 22 Ottobre, ore 15.00

LE ETÀ DEI METALLI 

L’area funeraria e cultuale di Sovizzo, datata a più di 5000 anni fa e unica area archeologica visitabile dell’Ovest vicentino, è il punto di partenza per ripercorrere la storia più antica del territorio a partire dall’età del Rame.

  • Arzignano

    Domenica 23 Ottobre, ore 9.30

CAVALLI E CAVALIERI 

Il luogo di rinvenimento della sepoltura di un mercenario di origine barbarica, sepolto nel V secolo d.C. con il suo cavallo, è il punto di arrivo dell’escursione che attraversa un territorio ricchissimo di testimonianze archeologiche.